Nicola Duberti (Italia) – piemontese/ita

Nicola Duberti (Italia) - piemontese/ita
 
 
La ritmética do lov
 
Còs o l’é un lov o j’é neun ch’o lo sacia.
O sciòrt ëd neucc. Ti peu nent vaglo.
Sentilo, fòrsci: në sfojaché,
én crack ëd rame rote, dij bërzeji,
dël muze, dij sciosci, dij břami dë sbeuj…
 
E a la matén ti vëggh còs o-i manca:
na coa, le biele, në pciòt.
O sango gřumlì o marca ‘l pass.
Ch’is moltìplicon ij lovi o va nent,
ma’s ti fò ij cònti o lov o l’é ‘n gavé.
 
Un lov acò o l’ha semp o sagn meno.
Un meno ch’ti lo quént armanch ses vòte.
Jë stròpi ’d fé i sòn dma la vangardia,
ël maneuvre do lov jamònt ën tos-cia.
O veu gnòci, chial-lì. Nòstr sentiment.
 
Ma còs o é ’n lov ti peu ’maginetlo.
Ti lo sent a bogé drénta ògni stròfa,
stëřmò dal feuje d’ògni d’eun dij varsci.
O é pa na quénta. O l’ha pa ’d mořòl.
O l’é la ritmética d’én animòl.
 
 
 
 
La matematica del lupo
 
Che cos’è un lupo non lo sa nessuno.
Esce di notte. Non si può vederlo.
Sentirlo, forse: un calpestio di foglie,
un crack di rami rotti, dei belati,
muggiti, ansimi, grida d’orrore…
 
Ed al mattino vedi quel che manca:
una coda, le viscere, un piccolo.
Il sangue coagulato segna il passo.
Che i lupi si moltiplichino è il dramma,
ma a conti fatti il lupo è sottrazione.
 
Un lupo ha sempre il segno meno addosso.
Un segno meno alla sesta potenza.
Le greggi sono solo l’avanguardia,
le manovre del lupo su nel bosco.
È noi che vuole. È la nostra coscienza.
 
Ma cos’è un lupo puoi immaginarlo.
Lo senti muoversi in ciascuna strofa,
nascosto dal fogliame di ogni verso.
Non è una favola. Non ha morale.
È l’aritmetica di un animale.
 
 
Traduzione dell’autore
 
 
 
 

Commenti