Redazione Laboratori Poesia: Mario Famularo



 
 
eppure certi crimini inaspriscono
oltremodo. bisogna mantenere
la colpa nel banale, non diventare
un caso. perché la gente avverte quel
bisogno di annientare sé stessa nei
suoi spettri, nel sangue primordiale.
un male complicato o troppo sciocco
si dimentica. svanisce un po’ più in fretta.
se poi è un malinteso vallo tu a
spiegare al mondo (nessuno ti dà retta.
il rito è nella carne,
e un sacrificio è sempre più profondo)
 
da Favete linguis (Ladolfi Editore, 2019)
 
 

GLI ARTICOLI DI MARIO FAMULARO