Lina Salvi

Lina Salvi
 
 
L’uno e l’altro sguardo
senza compiuto verso:
Arturo o Andromeda, stelle a modo loro,
frantumate in pezzi uguali
simili a scaglie, – di pietra rara.
 
Ad una ad una le contavo
in quel numero imprecisato,
da rifuggire, eppure assiepato.
C’era troppa notte, troppa veglia,
in quel carcere di stelle
tutto un mondo che ci sfugge.
 
Settembre 2020
 
 
 
 

Commenti