Dario Pasero (Italia) – piemontese/ita

Bozza automatica 1158
 
 

Clòti da San Bërnoj a la Restaurassion…

 

Ant la comba ’d San Bërnoj
Se ij sarasin rivèisso a trovrìo
Mach ti e mi ’ndrin ’d nòsta muanda
 
S’a-i restèiss nomach pì ’n brich
Con an cò na cesa o na cassin-a
Sarìa la pas genita ’d nòst Pais
 
Le feje co’ij bebero a son vantass-ne via
Chitand stabi viton e preus sëcche ’d tërfeuj
 
Da soj i goarneroma
Neuste valbe ’d galaverna
Ciaproma lendne e poj
Neusti ùnich bërsach
Ma cand la fiòca a coaterà
L’uja, ’l sol an farà bërluse
An sij cioché rancian
L’aram dij vej galucio
Ëd cost pais ch’a stenz
Lassandne tòst splufrì e sensa gnun-a sosta
 
Ant ël viramulin giassant dla prospetiva
Variàbil sirconf’rense e fomne slandre
A vempo minca fërvaja e tò splineur
Anel doblé e bròda-garèt ëd seda
Che fin dij cont at resto pa godìbil
Se ti ’t fùisses na lerma ’nt ij me euj.
Se ’l temp a cor, as fërma na minuta ’l
Savèj d’avèj an man nòsta salvëssa
Sarà ’nt un gardanfan fàit mericant
Con pruche e barolé frustà ’d malpron.
 
Clòti a seugna ’l quadrà da fene sercc
Ma la sostansa creusa dël π(εριφέρειν) grech
Arnìa ’nt sò trafen la susta beusa
E chila a rigodon-a ’n fàuda a Granda
E peu’ a slarga ’l sosrije al vent-mistral

 
 

Cloti da San Bernolfo alla Restaurazione…

Nella valle di San Bernolfo/ Se i saraceni arrivassero troverebbero/ Solamente te e me dentro la nostra baita// Se restasse solamente un’altura/ Con in cima una chiesa o una cascina/ Sarebbe la pace schietta del nostro Paese// Le pecore con gli agnellini sono svaniti e scomparsi/ Abbandonando le stalle montane e strisce secche di trifoglio// Da soli custodiremo/ Le nostre terre di nebbia ghiacciata/ Acchiapperemo lendini e pidocchi/ Nostri soli tascapani/ Ma quando la neve coprirà/ La cima, il sole ci farà luccicare/ Sui campanili malandati/ Il rame dei vecchi galletti/ Di questo paese che soffoca/ Lasciandoci presto sparuti e senza alcun riparo// Nel gorgo cristallino della prospettiva/ Circonferenze variabili e donne impudiche/ Riempiono ogni tassello e il tuo malinconioso/ Anello falso e ricama-caviglie di seta/ Che alla fin fine non ti restano godibili/ Se tu fossi una lacrima nei miei occhi./ Se il tempo corre, si ferma per un momento il/ Sapere di avere in mano la nostra salvezza/ Chiusa in una sottoveste fattasi amarognola/ Con parrucche e calzettoni usurati dal dolore// Cloti sogna il quadrato per farne un cerchio/ Ma la sostanza profonda del π(εριφέρειν/periférein) greco/ Nega nel suo trambusto il desiderio aspro/ E lei danza baccantemente in grembo alla Nonna/ E poi apre il sorriso al vento-mistral
 
 
Traduzione dell’autore
 
 
 
 

Commenti