Odissea Elitis

Odissea Elitis
 
 

Odissea Elitis (1911-1996) ha vinto il Nobel nel 1970 per aver cantato “la lotta dell’uomo moderno per la libertà e la creatività”. Componenti della sua poesia la luce, il mare, l’amore.

“L’essere greco è per Elitis molto più che un dato biografico, è piuttosto la sua impronta digitale, unica, irripetibile e senz’altro non causale” dice Paola Maria Minucci. L’infanzia e l’adolescenza trascorse d’estate a Spetses una piccola isola del mare argolico costituirà l’alfabeto della sua poesia insieme con la morte e l’angoscia, per i lutti subiti ancora giovane.

Negli anni 1935-40 scrive le prime opere Orientamenti, Sole il primo, Canto eroico e funebre, vicine al surrealismo, dopo viaggi in Europa e a Parigi. Dal ’48 al ’51 è di nuovo a Parigi con Picasso, Léger, Matisse, Chagall, Giaometti. Dopo anni di silenzio riprende a scrivere: Dignum est intriso di Platone e grecità.  Elitis procede dal’astratto al concreto, con una pluralità di toni linguistici che si perdono nella traduzione. Il libro da cui sono tratti i versi seguenti è un’antologia del 2000 di Donzelli, È presto ancora… a cura di Paola Maria Minucci.

 

Pierangela Rossi

 
 
 
 
Marina delle rocce
 
Hai un sapore di tempesta sulle labbra – ma dove vagavi
Tutto il giorno nel duro sogno della pietra e del mare
Vento da aquile ha spogliato i colli
Ha spogliato fino all’osso il tuo desiderio
E le pupille dei tuoi occhi hanno accolto il segnale della Chimera
Rigando di schiuma il ricordo!
Dov’è la consueta erta del breve settembre
Nella rossa polvere dove giocavi guardando in basso
I profondi faveti delle altre fanciulle
Gli angoli dove le tue compagne lasciavano bracciate di rosmarino
 
– Ma dove vagavi
Tutta la notte nel duro sogno della pietra e del mare
Ti dicevo di contare nell’acqua spoglia i suoi giorni luminosi
Di goderti supina l’alba delle cose
O anche di vagare per gialle vallate
Con un trifoglio di luce al petto eroina di giambo.
 
Hai un sapore di tempesta sulle labbra
E una veste rossa come il sangue
In profondo dentro l’oro dell’estate
E nel profumo dei giacinti – Ma dove vagavi
 
Scendendo verso rive e baie con i ciottoli
Là c’era un’erba marina fredda salmastra
Ma più giù un sentimento umano che sanguinava
E aprivi c on stupore le braccia dicendo il suo nome
Salendo leggera fino alla trasparenza del fondo
Dove brillava a tua stella marina.
Ascolta, la parola è la saggezza degli ultimi
E il tempo scultore impetuoso degli uomini
E il sole lo sovrasta belva di speranza
E tu più vicina a lui stringi un amore
Con un amaro sapore di tempesta sulle labbra.
 
Non puoi contare azzurra sino all’osso su altra estate
 
Perché cambino corso i fiumi
E ti riportino indietro alla loro madre,
Per baciare altri ciliegi
O per andartene a cavallo del mastreale
 
Avvinta alle rocce senza ieri né domani,
Nei pericoli delle rocce con la raffica della tempesta
Darai l’addio al tuo enigma.
 
(Da Orientamenti, 1940)
 
 
 
 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.