Gonzálo Rojas (Cile) – ita/espa


 
 
Bella oscurità
 
Stanotte ti ho toccato e ti ho sentito
senza che la mia mano fuggisse più in là della mia mano
senza che il mio corpo fuggisse, né il mio udito:
in una forma quasi umana
ti ho sentito.
 
Palpitante, non so se come sangue o nube
errante
per casa mia, in punta dei piedi, oscurità che sale
oscurità che scende, hai corso, scintillante.
 
Hai corso nella mia casa di legno
hai aperto le sue finestre
e ho sentito il tuo battito tutta la notte.
figlia degli abissi, silenziosa,
guerriera così terribile
così bella che tutto quello che esiste
per me, senza la tua fiamma, non esisterebbe.
 
 
 
 
 
 
Oscuridad hermosa
 
Anoche te he tocado y te he sentido
sin que mi mano huyera más allá de mi mano,
sin que mi cuerpo huyera, ni mi oído:
de un modo casi humano
te he sentido.
 
Palpitante,
no sé si como sangre o como nube
errante,
por mi casa, en puntillas, oscuridad que sube,
oscuridad que baja, corriste, centelleante.
 
Corriste por mi casa de madera
sus ventanas abriste
y te sentí latir la noche entera,
hija de los abismos, silenciosa,
guerrera, tan terrible,
tan hermosa que todo cuanto existe,
para mí, sin tu llama, no existiera.
 
 
Traduzione di Antonio Nazzaro
 
 
 
 
 
 

Vota l'articolo
[Voti: 0 Media: 0]

VEDI ANCHE