Antonio Bux

Antonio Bux
 
Michele Paoletti suggerisce Antonio Bux
 
 
Prendo il ciuffo di un’erba che tu ami
quello vissuto sulla fronte di tua nonna
la sera quando ti cresceva tra le coperte
lo raccolgo per te che non sei qui
per te che sei tra le coperte degli alberi
sotto la terra onesta o forse di lato
all’albero che è ora tua nonna
così insieme a lei compi proprio i miei passi
li unisci ai passi degli altri, quelli scordati
dove un’orma è per sempre
dove un’orma è mia madre che sale
come un albero ad accarezzarmi i capelli
e mio padre, e il tuo, e il padre di tutti
qui dove prendo il ciuffo di un’erba che tu sei
li rivedo ancora una volta, rivedo la mia vita
e le vite di chi siamo stati, ora che sono ciuffi
e così anche io, sotto la terra, dov’ero
sento di essere stato amato.
 
 
 
 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.