Raffaello Baldini

 
 
In déu
 
A l déggh sémpra ènca mè, in déu l’è e’ masum,
par stè insén, s’ t vu stè insén, in dis, in véint,
cmè t fé a stè insén?
la zénta invíci u i pis d’ès una masa,
“A sérmi una trantéina,
senza cuntè i burdéll”, e i è cuntént,
“A stémm insén”,
ch’u n vó dí gnént, t staré tachèd, no insén,
piò ch’a séi e pézz l’è,
stè insén l’è un’èlta roba, ta n t n’incórz?
no, i n s n’incórz,
lòu, ès in póch l’è cmè no èsi, lòu
i à bsògn da ès in tint, in zént, in mélla,
in dismélla, in zentmélla,
che mè, a i so stè ’nca mè,
par San Martéin, ma la festa dla Piva,
magnè, bai, t chènt, t réid, t rógg,
parchè t chin rógg, l’è tótt un rugiadézz,
se no ta n t sint, e par lòu l’è alegréa,
ch’ l’ era un caséin, e mè alè zétt te mèz,
’s’ut ch’a t dégga, u m pareva, mo dabón,
d’ès da par mè,
 
invíci in deu, tè e li, la sàira, ad chèsa,
a un zért mumént t smórt la televisiòun,
t ciacàr un pó, li la va ’dla, la tòurna,
sorpresa! du gelè,
t vu crema o cecolèta?
pu d’ogni tènt u s scapa, u s va ti póst,
a magnè fura, e’ cino,
e’ cino l’è una roba,
cmè da burdéll al fóli,
u s sta lè tótt disdài, zétt, incantèd,
s’u t vén dal vólti da dì quèl, di dri
u i è sémpra éun che ragna: ssst! silenzio!
pu Fine, u s zènd al luci,
l’è cmè svigés, t sté sò, e e’ basta un gnént,
che ta i tén e’ capòt, che la s l’inféila,
ch’ta la strènz, no una masa, sno sintéila.
 
 
 
 

In due.
Lo dico sempre anch’io, in due è il massimo, / per stare insieme, se vuoi stare insieme, in dieci, in venti, / come fai a stare insieme? / la gente invece gli piace d’essere in tanti, / «Eravamo una trentina, / senza contare i bambini», e sono contenti, / «Stiamo insieme», / che non vuol dir niente, starai attaccato, non insieme, / più siete e peggio è, / stare insieme è un’altra cosa, non te n’accorgi? / no, non se n’accorgono, / per loro, essere in pochi è come non esserci, loro / hanno bisogno d’essere in molti, in cento, in mille, / in diecimila, in centomila, / che io, ci sono stato anch’io, / per San Martino, alla festa della Pieve, / mangiare, bere, canti, ridi, urli, / perché devi urlare, è tutto un urlío, / se no non ti senti, e per loro è allegria, / che era un casino, e io lí zitto in mezzo, / cosa vuoi che dica, mi pareva, ma davvero, / d’essere solo, // invece in due, tu e lei, la sera, in casa, / a un certo momento spegni la televisione, / chiacchieri un po’, lei va di là, torna, / sorpresa! due gelati, / vuoi crema o cioccolato? / poi ogni tanto si esce, si va nei posti, / a mangiare fuori, al cinema, / il cinema è una roba, / come da bambini le favole, / si sta lí tutti a sedere, zitti, incantati, / se ti viene delle volte da dir qualcosa, dietro / c’è sempre uno che protesta: ssst! silenzio! / poi Fine, si accendono le luci, / è come svegliarsi, ti alzi, e basta un niente, / che le tieni il cappotto, che se l’infila, / che la stringi, non molto, solo sentirla.

 
 
 
 

VEDI ANCHE