Il nemico dei Thirties – Juan Arabia

 

Juan Arabia, Il nemico dei Thirties, Samuele editore, 2017 (traduzione di Antonio Nazzaro).

 

Develarle. Rivelare.

Così si apre il libro di Juan Arabia. Con una poesia che fa da quadro a un testo costruito tutto sul senso di rivelazione, visione (intesa come manifestazione di senso): “Rivelare all’uomo che quello da cui scappa/non si trova nel suo cammino.”
La rivelazione non ha bisogno di spiegazioni: “la spiegazione è una bassezza/il chiarimento l’umiliazione”.
Il poeta vive di rivelazioni e per questo non ha timore della verità. O delle verità.
La verità della disillusione e dell’estraneità: “perché ancora viaggio/ sono un estraneo/ e nella città  i ponti/ ammutoliscono e mi feriscono.”
La poesia di Juan Arabia è un attraversamento della vita, fare della tradizione la malinconica presa di coscienza di una possibile rivoluzione. A tratti mancata. A tratti chiusa in se stessa. A tratti realizzata in una poesia che sa di terra, polvere, cammino negli occhi degli altri.
Allora l’esilio, il destrierro, è nella memoria, è memoria dell’esilio, che vive nel presente perché interiorizzato. Così l’autore può permettersi rimandi a Rimbaud, a Thomas, senza mai incorrere nel citazionismo. La consapevolezza rende colpevoli? “Io che ho negato Cristo sulla prima barca,/finalmente ho capito il significato della parola addio”.
O addio è solo una parola: “continua ad essere preferibile dipingere occhi umani/prima delle cattedrali”.

Melania Panico

 

 

ARTE POETICA

 

He dejado las jaulas y el pasado

encerrados en mártires dolores.

Sin cerraduras viles, los albores

intactos y sus muecas

corrompen a los días venideros

en sombras de verdad; en arbolados

que sin luces persiguen los costados

de un muerto corazón.

y contar hasta seis, y ver la pluma

volar dentro del hierro…

Que apaga lentamente los secretos

dejando a cada víctima

en paz, en el lugar frío del útero

que alguna vez fijó el mortal aullido

del roce sin espejos que creó.

 

 

ARTE POETICA

 

Ho lasciato le celle e il passato

chiusi in martiri dolori.

Senza serrature vili, gli alberi

intatti e le loro smorfie

corrompono i giorni a venire

nell’ombra della verità; in albereti

che senza luce inseguono i fianchi

di un cuore morto.

E contare fino a sei, e vedere la penna

volare dentro il ferro…

Che spegne lentamente i segreti

lasciando ogni vittima

in pace, nel luogo freddo dell’utero

che una volta determinò il mortale grido

dello sfiorare senza specchi che ha creato.

 

 

 

ATARDECER EN CROMER STREET

 

El sol no cayó todavía

pero llegaron las mentiras rojas

a un bar de Cromer Street.

y mientras los viejos amigos arden

dentro de una lámpara

en la que no corre aire

atravieso la vida

como si fuera un extraño,

junto a mi corazón desnudo.

 

 

TRAMONTO A CROMER STREET

 

Il sole non è ancora sceso

ma sono arrivate le bugie rosse

in un bar di Cromer Street.

E mentre i vecchi amici ardono

dentro una lampada

in cui non passa l’aria

attraverso la vita

come se fossi un estraneo

insieme al mio cuore nudo.

 

 

Juan Arabia (nato il 18 giugno del 1983 a Buenos Aires, Argentina), poeta, traduttore e critico letterario, laureatosi presso l’Università di Scienze Sociali dell’Università di Buenos Aires, e attuale direttore della casa editrice e rivista: Buenos Aires Poetry. Si è laureato con una tesi su John Fante e la cultura operaia italoamericana, è il direttore della rivista Buenos Aires poetrey dove scrivono scrittori come John Ashbery, Dan Fante, Robert Darnton, Mark Ford, e altri. Collabora anche a diverse riviste tra cui spiccano quelle dell’Università de La Rioja, Dipartimento di Filologia Moderna(Spagna), la rivista di Studi Culturali La Torre del Virrey (Università Internazionale Menéndez Pelayo di Valencia), il supplemento Culturale del quotidiano argentino Perfil e la rivista El Malpensante (Colombia). Libri Pubblicati: John Fante. Entre la niebla y el polvo (2011); PosData a la Generación Beat (2014); El Enemigo de los Thirties (2015); John Fante: Camino de los sueños dirunos (2016). Libri tradotti: Nuevos Versos y Canciones – Arthur Rimbaud (2014), Un-gin-meando… – Dan Fante (2015), Lustra – Ezra Pound (2016).

 

Per acquistare il libro

qui

 

 

 

 

VEDI ANCHE