Xe sta trovarse – Francesco Sassetto

Francesco Sassetto 1In questo piccolo ma significativo libro, Francesco Sassetto racconta di come l’amore si nutra delle piccole cose, dei gesti che spesso si confondono nella monotonia quotidiana e per farlo sceglie di usare la musicalità del dialetto veneziano. Questa scelta, oltre agli aspetti stilistici e sonori, a mio avviso rende i testi squisitamente familiari, quasi fossero lettere infilate tra le pagine di un libro o biglietti lasciati sul tavolo della cucina. Questo amore, come dice Alessandro Canzian nella prefazione è “maturo, di due cinquantenni che si incontrano e si riconoscono, si vogliono. Un incontro alla pari non privo di difficoltà che esce dai confini temporali per disegnare un’idea d’amore concreta, quotidiana”. Ed è con questo sguardo maturo che si è in grado di cogliere e godere dei dettagli: la maglietta nel comò, uno sguardo pieno di sole, un intreccio di mani strette / nelle mani per non perdere i passi nel buio, mani che si cercano/ a dire qualcosa che la voce non dice perché non è necessario dire ti amo o scriverlo su un biglietto d’auguri basta stare vicini mentre intorno piovono grida e mani che ci afferrano e ci trascinano / di qua e di là. Non serve rimpiangere il tempo gettato via, l’importante è stato incontrarsi con il desiderio di costruire qualcosa fatto di mattoni e cemento per vedere che tiene, che sale, sapere che l’amore ha un nome preciso, saldo come un pezzo / di pietra piantata profonda dentro la terra / a segnare che un posto esiste ed è / proprio là come un barcone, una bricola, una cosa tra le cose, come le chiavi di casa in fondo / alla tasca, come un lampione quando viene la notte, una / tovaglia a quadretti da vecchia osteria, un vino / limpido e schietto, una canzone che ronza / all’orecchio, come qualcosa che non fugge via.

Michele Paoletti

 

 

MAGIO

 

 

E tante robe de l’amor go da imparàr e

de ti che ti me compàgni e te piase

la me vose, i me oci, anca el me dente

sbecà, e queo che no so ti me lo disi ti

come ti fa co i putèi de scuola a métar

le létere a posto par far le parole.

 

E mi te tegno come le ciàve de casa in fondo

la scarsèla, come un lampiòn co fa scuro, ‘na

tovàgia a quadréti da vecia ostarìa, un vin

ciàro e s-cièto, ‘na cansón che te rùsa

in récia, come ’na roba che no scampa via,

na magiéta colór de quel glìsine che là

in fondo de la cale, ti lo vedi,

 

xe pena fiorìo.

 

 

MAGGIO

E tanto dell’amore devo imparare e / di te che mi accompagni e ti piacciono / la mia voce, i miei occhi, persino il mio dente / spezzato,e ciò che ignoro me lo insegni tu / come fai con i bambini a scuola a comporre / bene le lettere per costruire le parole. // E io ti tengo come le chiavi di casa in fondo / alla tasca, come un lampione quando viene la notte, una / tovaglia a quadretti da vecchia osteria, un vino / limpido e schietto, una canzone che ronza / all’orecchio, come qualcosa che non fugge via, /una maglietta color del glicine che là / in fondo alla calle, lo vedi, / è appena fiorito.

 

 

 

 

NO TI ME SCRIVI PAROLE

 

 

d’amor su i bigliéti che ti tàchi ai regali,

no ti scrivi ‘te amo’ gnanca su la pagina

voda de i libri che ti compri par mi.

 

Le xe parole massa grosse, za dite e

brusàe in foghi che pareva scaldàr

e dopo no gera che sènare e

làgrime da sugàrte da sola e vodo

da novo e ’na putèa de tre ani

che te vardava co i oci grandi

e no capiva.

 

Ti scrivi su i fògi solo el me nome

e ’na data, el me nome come un tòco

de pièra incassàda a fondo ne la tèra

a segnàr che un posto ghe xe e xe

propio là, come el barcòn de i fruti

ligà sul canàl co corde grosse e caène.

 

’Na brìcola piantàda là.

 

Ma ogni tanto ti me vardi co i oci

contenti, pieni de sol, ti me strenzi

fra i brassi e ti me disi pianìn

in récia, ‘Francesco, mi te vògio ben’.

 

 

 

NON MI SCRIVI PAROLE

d’amore sui biglietti che attacchi ai regali, / non scrivi ‘ti amo’ nemmeno sul frontespizio / dei libri che compri per me. // Sono parole troppo grandi, già dette e / bruciate in fuochi che sembravano scaldare / e poi non restavano che cenere e / lacrime da asciugarti da sola e il vuoto / di nuovo ed una bambina di tre anni / che ti guardava con gli occhi grandi / e non capiva. // Tu scrivi sui fogli solo il mio nome / e una data, il mio nome come un pezzo /di pietra piantata profonda dentro la terra / a segnare che un posto esiste ed è / proprio là, come il barcone della frutta / legato alla riva del canale con corde grosse e catene. // Una bricola piantata là. // Ma ogni tanto mi guardi con gli occhi / contenti, pieni di sole, e mi stringi / tra le braccia e mi dici piano / all’orecchio ‘Francesco, io ti voglio bene’.

 

 

 

VEDI ANCHE