Tomás Di Bella (Messico) – ita/espa


 
 
Poesia comunitaria di autodifesa
 
Questa poesia è scritta da tutti noi
Che ci difendiamo dal lupo e proteggiamo le pecore
Ha le nostre mani tra le sue parole e anche le nostre impronte
Parla delle carceri che abbiamo patito e della mancanza di scuole
Dei nostri morti e di quelli appena nati che già vogliono sapere
Di quelli che stiamo lavorando in campagna e anche vi siamo sepolti
E di quelli che stiamo in fabbrica e non dimentichiamo da dove, come e perché
Questa poesia che scriviamo tutti attraversa tutte le frontiere
Si legge con il fuoco della nostra rabbia e con l’acqua che scorre senza dighe
Si canta nelle strade di tutte le città e popoli
Dove ci sia qualcuno che usa la tortilla come pane e difende il chicco con la zappa
Questa poesia ha fucili antichi e pallottole con accenti ortografici
È fatta di cartucciere di giustizia terrena e polvere da sparo di chiese agguerrite
Questa poesia è fatta anche di accademici che s’avvicinano alla strada
È fatta di studenti che vogliono la verità a lezione
Operaie che le hanno apposto le metafore tra i turni
È fatta di operai che difendono i frutti e i figli
Di anziane che si liberano dai legami dei loro antichi sogni
Di contadini che raccolgono l’erba della loro morte
Questa poesia è tessuta in modo tale
Che sarà quasi impossibile disfare la sua trama:
Questa poesia è scritta da tutti noi.
 
 
 
 
 
 
Poema comunitario de autodefensa
 
Este poema está escrito por todos nosotros
Los que nos defendemos del lobo y protegemos a la oveja
Tiene nuestras manos entre sus letras y nuestras huellas también
Habla de las cárceles que hemos sufrido y de la falta de escuelas
De nuestros muertos y de los recién nacidos que ya quieren saber
De los que estamos en el campo trabajando y también estamos enterrados
Y de los que estamos en las fábricas y no olvidamos de dónde y cómo y porqué
Este poema que escribimos todos cruza todas las fronteras
Se lee con el fuego de nuestro coraje y con el agua que discurre sin diques
Se canta entre las avenidas de todas las ciudades y pueblos
Dónde haya alguien que pone la tortilla como pan y defiende el grano con el azadón
Este poema tiene fusiles antiguos y balas con acentos ortográficos
Tiene cartucheras de justicia terrenal y pólvora de iglesias aguerridas
Este poema también tiene académicos que se arriman a la calle
Tiene alumnos que exigen la verdad en las clases
Trabajadoras que le pusieron metáforas entre los horarios
Está hecho por obreros que defienden los frutos y los hijos
De ancianas que desenredan de sus atados sueños antiguos
De campesinos que cosechan hierba de sus muertes
Este poema está de tal manera enredado
Que será casi imposible su trama deshacer:
Este poema está escrito por todos nosotros.
 
 
Traduzione di Antonio Nazzaro
 
 
 
 

Vota l'articolo
[Voti: 0 Media: 0]

VEDI ANCHE