Patrick Williamson


 

Foto di Dino Ignani

 
 
Pocketful of sand
 
The roaring maws have no pity for specks,
you flee the stench of fear, broken voices, steps
 
tell me if the stone still listens to the wind
if the sand keeps our home in a burning memory
 
you shout to ungrateful valleys this land my entrails
your echoes braving the storm between lair and the sea
 
the dust horizons, fire weddings rage in wild skies
march along monotonous banks to the edge
 
tied in knots in the bed of bitter laurel leaves
how do you say farewell to all you hold dear
 
you cradle a child that has no jacket
you cling to sand that scatters across the waves
 
Why, you ask, do I trust the sea
 
 
 
 
 
 
Una tasca di sabbia
 
Il ruggito delle fauci non ha pietà delle briciole,
tu fuggi il miasma del terrore, voci spezzate, passi
 
dimmi se la pietra ascolta ancora il vento
se la sabbia trattiene la casa in bruciante memoria
 
tu gridi a valli ingrate questa terra le mie viscere
la tua eco resiste alla tempesta fra la tana ed il mare
 
orizzonti di polvere, fuochi nuziali avvampano cieli ferini
procedi lungo sponde monotone fino all’orlo
 
annodato al letto di amare foglie d’alloro
in che modo dire addio a tutti quelli che tieni cari
 
tu culli un bimbo senza giacca
ti aggrappi alla sabbia dispersa fra le onde
 
Perché mai, mi chiedi, ho fiducia nel mare
 
 
Traduzione di Guido Cupani
 
 
 
 

Commenti