Museo – 1

Museo - 1
 
 
Parte una traduzione, in più puntate, di Ero e Leandro di Museo, a cura di Francesco Gulic
 
 
(vv. 1-13, 28-41)
 
 
Εἰπέ, θεά, κρυφίων ἐπιμάρτυρα λύχνον Ἐρώτων
καὶ νύχιον πλωτῆρα θαλασσοπόρων ὑμεναίων
καὶ γάμον ἀχλυόεντα, τὸν οὐκ ἴδεν ἄφθιτος Ἠώς,
καὶ Σηστὸν καὶ Ἄβυδον, ὅπῃ γάμον ἔννυχον Ἡροῦς
νηχόμενόν τε Λέανδρον ὁμοῦ καὶ λύχνον ἀκούω,
λύχνον ἀπαγγέλλοντα διακτορίην Ἀφροδίτης,
Ἡροῦς νυκτιγάμοιο γαμοστόλον ἀγγελιώτην,
λύχνον, Ἔρωτος ἄγαλμα• τὸν ὤφελεν αἰθέριος Ζεὺς
ἐννύχιον μετ’ ἄεθλον ἄγειν ἐς ὁμήγυριν ἄστρων
καί μιν ἐπικλῆσαι νυμφοστόλον ἄστρον Ἐρώτων,
ὅττι πέλεν συνέριθος ἐρωμανέων ὀδυνάων,
ἀγγελίην δ’ ἐφύλαξεν ἀκοιμήτων ὑμεναίων,
πρὶν χαλεπαῖς πνοιῇσιν ἀήμεναι ἐχθρὸν ἀήτην.
 
[…]
 
Ἀλλὰ πόθεν Λείανδρος Ἀβυδόθι δώματα ναίων
Ἡροῦς εἰς πόθον ἦλθε, πόθῳ δ’ ἐνέδησε καὶ αὐτήν;
Ἡρὼ μὲν χαρίεσσα διοτρεφὲς αἷμα λαχοῦσα
Κύπριδος ἦν ἱέρεια• γάμων δ’ ἀδίδακτος ἐοῦσα
πύργον ἀπὸ προγόνων παρὰ γείτονι ναῖε θαλάσσῃ,
ἄλλη Κύπρις ἄνασσα. σαοφροσύνῃ δὲ καὶ αἰδοῖ
οὐδέποτ’ ἀγρομένῃσι συνωμίλησε γυναιξὶν
οὐδὲ χορὸν χαρίεντα μετήλυθεν ἥλικος ἥβης
μῶμον ἀλευομένη ζηλήμονα θηλυτεράων,
– καὶ γὰρ ἐπ’ ἀγλαΐῃ ζηλήμονές εἰσι γυναῖκες –
ἀλλ’ αἰεὶ Κυθέρειαν ἱλασκομένη Ἀφροδίτην
πολλάκι καὶ τὸν Ἔρωτα παρηγορέεσκε θυηλαῖς
μητρὶ σὺν οὐρανίῃ φλογερὴν τρομέουσα φαρέτρην.
ἀλλ’ οὐδ’ ὧς ἀλέεινε πυριπνείοντας ὀιστούς.
 
 
 
 
 
 
Raccontami, Dea, degli amori che solo una lampada vide
e del nuotatore notturno attraverso alti mari per nozze
che non ebbero alcun testimone, nemmeno l’Aurora immortale,
e di Sesto e di Abido, che esalano ancora l’odore del sale
alle bracciate di Leandro, del balsamo di Ero, dell’olio di lucerna,
lucerna che fu per volere di Venere cerimoniere
del suo rito amoroso che Zeus, come premio, dall’alto del cielo
avrebbe potuto portarla dov’è in assemblea il firmamento
ed eleggerla stella cometa di chi ama furtivo nella notte,
perché fu vicina al dolore di folli passioni di coppia
e celò la notizia di quelle serate in piacevole insonnia,
prima che contro di loro soffiassero raffiche avverse.
 
[…]
 
Ma come Leandro, che aveva dimora ad Abido, fu preda
di un desiderio provato da Ero in uguale misura?
Ero, graziosa, di nobile sangue, sembrava una dea,
sacerdotessa del tempio di Venere, ignara di nozze,
da regina, da nuova Afrodite, abitava un’atavica torre,
affacciata sul mare: saggezza e pudore la tennero fuori
da comitive di donne che vanno in campagna d’estate
e dalle danze aggraziate che intrecciano i suoi coetanei,
evitando così quelle critiche da gelosia femminile
(le ragazze, di fatto, si fanno invidiose se una è più bella).
Lei invece, sempre temendo faretre infuocate di Eros,
ogniqualvolta l’aveva placato con doni ed offerte,
si rendeva propizia sua madre celeste, Afrodite Citèrea.
Ma nulla, purtroppo, servì a schivare le frecce incendiarie.
 
 
 
 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.