Ivan Crico

Ivan Crico
 
Maitàni
 
Maitàni. Comódo cuntìneve spize lanpe
de l’aiarìn de l’unbrìa scorlade. Ta le are
zaromai snegrade che le mena ai trozi
 
secreti ‘ncontraghe al colfo, ta l’avért
de sì. A là. In cau. Onde destudar cun mi
‘l me scur. Mudar in voido, sfiurir la luse.
 
Ta la me ose levarse al ziel de oni ose.
 
 
Segnali di mare

Segnali di mare. Come eterne sottili fiamme / dal vento freddo dell’ombra agitate. Tra i canali / oramai oscurati a mostrare i sentieri // segreti che portano verso il mare aperto, al largo / di sé stessi. Là. In fondo. Dove spegnere con me / la mia notte. E farmi vuoto, far fiorire la luce. // Nella mia voce sentire levarsi il cielo di ogni voce.

 
 
 
 

Commenti