Irving Layton

Irving Layton
 
 
Your eyes are dark and tragic as history
as you stare at the postcard village in the distance;
you are a distinguished graduate from Auschwitz
and mankind’s incurable viciousness,
and your slender arm with its tattooed figures
boldly displays your credentials to the world
 
Each time, my dear, I see your naked loveliness
on this deserted beach my heart is torn apart
by love and loathing, gratitude and disgust,
by reverence and rage until my frantic mind
scurries like that insect between the hot stones
and I grow deaf to all but the waves’ savage gulps
 
And though I know that all the innocent dead
find their resurrection in us and every loving pair;
imaging the dateless horror of the death camp,
the lexicon of human villainy made plain,
I curse without ceasing into the sweet empty air
And feel my loathing for mankind grow as vast as the sea.
 
 
 
 
 
 
I tuoi occhi sono bui e tragici come la storia
mentre fissi il villaggio lontano da cartolina illustrata;
sei un’insigne laureata di Auschwitz
e della insanabile malvagità del genere umano,
e il tuo esile braccio con le cifre tatuate
audacemente rivela al mondo le tue credenziali
 
Ogni volta che vedo, mia cara, le tue nude grazie
su questa spiaggia deserta il mio cuore si strugge
d’amore e disprezzo, gratitudine e sdegno,
rispetto e rabbia finché la mia mente sconvolta
arranca come un insetto fra le pietre roventi
e io divento sordo a tutto ma non ai selvaggi risucchi delle onde
 
Eppure so che tutti i morti innocenti
trovano la loro resurrezione in noi e in ogni coppia che si ama;
traducendo in immagini l’orrore senza tempo di quel campo di morte,
lessico dell’umana infamia reso evidente,
io lancio maledizioni senza fine nella dolce aria deserta
e sento che il mio disprezzo per il genere umano diventa vasto come il mare.
 
 
Traduzione di Francesca Valente
 
 
 
 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.