Ida Vallerugo


 
 
Il sum
 

Forç four la neif à già sipilît la cjêra
borc sutûrnu di Hiroshima.
Forç a é già stâda l’esplosion
e nô i sin la memoria di nô,
         l’ultima sparìnt.
E tu, lotadôra indurmindida, i tu sumiêi.
 
Sul punt di Sydney il vint
a ti âlcia i cjavéi nêris scjampâs ai fèrmos.
Onda! a ti clama lui.
Màri a ti clàmin i fìs soravissûs.
A pàssin lens i bastimìns, sunant
a cjàpin il larc, a son belgjà sparìs.
A passa ta l’âlga fonda tô mâri pensierosa.
“Mâri, unmò viva a mi àn mitût fra i muars!”
Ridìnt i tu segni lajù fra li cjasi dal puart
la fignêstra di cjasa vissìn al Macel Comunâl
dulà che i becjêrs a regàlin retàis di cjar
ai canàis taliâns, grecos, spagnôi.
Da chê fignêstra il punt al é un svuàl.
 
La buêra a na ti svêa. Denant di te
mê Rigina a fêrma la sô corsa. A Cola.
 
 
 
 
Il sogno
 
Forse fuori la neve ha già sepolto la terra
sperduto sobborgo di Hiroshima.
Forse c’è già stata l’esplosione
e noi siamo la nostra memoria
         l’ultima sparendo.
E tu, lottatrice addormentata, sogni.
 
Sul ponte di Sydney il vento
ti solleva i capelli neri sfuggiti alle forcine.
Onda! ti chiama lui.
Madre ti chiamano i figli sopravvissuti.
Passano lente le navi, suonando
prendendo il largo, e sono già sparite.
Passa nell’acqua fonda tua madre pensierosa.
“Madre, ancora viva mi hanno messa fra i morti!”
Ridendo indichi laggiù fra le case del porto
la finestra di casa vicino al Macello Comunale
dove i macellai regalano ritagli di carne
ai bambini italiani, greci, spagnoli.
Da quella finestra il ponte è un volo.
 
Il vento non ti svegli. Davanti a te
mia Regina ferma la sua corsa. Cade.
 
 
 
 

VEDI ANCHE