Giacomo Vit

Bozza automatica 33
 
 
A foncs
 
…e sta atent a no fati ingianà da chei ch’a àn biei
vui ch’a ti sìghin di ciapàiu su, intant ch’al bol
ta la pignata dal bosc la scluma da la muart;
miòur invessit discuiarzi, cun baston gropolòus
ch’a ti spela la piel, chei spagutìs, platàs
cuma prisoneirs sot il cuiàrtin dal fuoiàn; e dopu,
cuant che il soreli al cola ta la busata dal imbrunì,
no ta zì dongia di chei ch’a si mòvin plan planc
cuma busiis, e a ti sunsùrin che la to vita a è
un siun…
 
 
 
 
 
 
A funghi

… e stai attento a non farti ingannare da quelli che hanno begli / occhi che ti gridano di raccoglierli, mentre bolle / nella pentola del bosco la schiuma della morte; / meglio invece scoprire, con un bastone nodoso / che ti spella la pelle, quelli spaventati, nascosti / come prigionieri sotto il coperchio del fogliame; e poi, / quando il sole casca dentro la grande buca del crepuscolo, / non avvicinarti a quelli che si muovono impercettibilmente / come bugie, e ti sussurrano che la tua vita è / un sogno…

 
 
 
 

Commenti