Ghiannis Ritsos

Ghiannis Ritsos

 
 

Scriveva Louis Aragon nella prefazione a Pietre Ripetizioni Sbarre (oggi edito a cura di Nicola Crocetti, 2004) nel 1971: “Più di vent’anni fa mi portarono, tradotti dal greco, i versi di un poeta che non conoscevo affatto: dovevo correggere il francese della traduzione. Tutt’a un tratto quella poesia mi fece venire un nodo alla gola, e lo strano fu che in seguito, quasi ogni volta che mi toccò rivedere i versi più o meno ben tradotti di questo sconosciuto, mi sono sempre sentito, come la prima volta, incapace di padroneggiare i miei occhi, di trattenere le lacrime. Ai tempi di quella prima volta Ghiannis Ritsos, di cui non sapevo nulla, era deportato nelle isole, o in prigione da qualche parte. E’ come se questo poeta possedesse il segreto della mia anima, come se lui solo sapesse, lui solo, capite, turbarmi in questo modo. Ignoravo inoltre che fosse il più grande poeta vivente di questo tempo che è il nostro; giuro che non lo sapevo. L’ho appreso a tappe, andando da una poesia all’altra, stavo per dire da un segreto all’altro, perché ogni volta era il turbamento di una rivelazione quello che provavo. La rivelazione di un uomo, e quella di un Paese, le profondità di un uomo, e quelle di un paese”.

Chi ha fatto molto per far conoscere in Italia Ghianni Ritsos è Nicola Crocetti, che ha anche tradotto Quattro poemetti. Crisotemi, Ismene, Fedra, Elena, 1981, per la Feltrinelli, scritti in condizione di cattività. Crocetti l’ha inserito (e tradotto) anche nella collana “Un secolo di poesia” del Corriere con Il  funambolo e la luna. La biografia di Ghiannis Ritsos (1909-1990) ha due poli: la poesia e l’internamento o la persecuzione perché marxista. Quand’era internato nascondeva le poesie interrandole in bottiglie.

Pierangela Rossi

 
 
 
 
Dissoluzione
 
Forme mobili, dissolute; – l’inquietudine molteplice
e la fluidità insidiosa – udire il rumore dell’acqua tutt’intorno
imponderabile, profondo, incontrollabile; e tu stesso incontrollabile,
quasi libero.
Donne stupite giunsero poco dopo
assieme a certi vecchi, con brocche, pentole, bidoni,
attinsero acqua per le necessità domestiche. L’acqua prese forma.
Il fiume tacque come se si fosse svuotato. Faceva notte. Si chiusero le porte.
Solo una donna, senza brocca, rimase fuori, nel giardino,
diafana, liquida al chiar di luna, con un fiore nei capelli.
 
15 maggio 1968
 
 
 
 
 
 
A posteriori
 
Da come sono andate le cose, nessuno, secondo noi, ha colpa. Uno è partito
l’altro è stato ucciso; gli altri – ma è inutile rivangare adesso.
Le stagioni si alternano regolarmente. Fioriscono gli oleandri.
L’ombra fa il giro intorno all’albero. La brocca immobile,
rimasta sotto il sole, è asciutta; l’acqua è finita. Eppure
potevamo, dice, spostare più in qua o più in là la brocca
a seconda dell’ora e dell’ombra, intorno all’albero,
girando fino a trovare il ritmo, ballando, dimenticando
la brocca, l’acqua, la sete – senza avere più sete, ballando.
 
20 maggio 1968
 
 
 
 
 
 
Mezzanotte
 
Leggera, vestita di nero, – non s’udì affatto il suo passo.
Attraversò la galleria. Il semaforo spento. Mentre saliva
la scala di pietra le gridarono “Alt”. Il suo volto
vaporava bianchissimo nel buio. Sotto il grembiule
teneva nascosto il violino. “Chi va là?”- Non rispose.
Rimase immobile; le mani in alto; tenendo stretto
Il violino tra le ginocchia. Sorrideva.
 
15 giugno 1968
 
 
 
 
 
 
Notte
 
Alto eucalipto e ampia luna.
Una stella trasale nell’acqua.
Cielo bianco, argentato.
Pietre, pietre scorticate fino in cima.
Accanto, nel basso fondale, s’udì
il secondo, il terzo salto d’un pesce.
Immensa, estatica orfanezza – libertà.
 
21 ottobre 1968
Campo dei deportati politici di Partheni, isola di Leros
 
 
 
 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.