Franco Scataglini

Franco Scataglini
 
 
(Appenini)
 
– dei monti Appenini
le porte in oprisse,
pareva, ai matini
(sui calcani fisse),
 
ma invano
e l’azzuro
gelava la forma
dei siti, al sussuro
del niente c’artorna
 
Su la neve
 
… neve – cornioli alti.
De gravi rami in schianto
luntani soprasalti.
 
Sarà così, amor mio,
muri’ de compimento,
spezati, fianco a fianco,
drento le giache a vento?
 
 
 
 

VEDI ANCHE