Francesco Indrigo

Francesco Indrigo
 
 
Alessandro Canzian suggerisce Francesco Indrigo
dal Premio San Vito Poesia 2019

 
 
 
 
A no susèt, cuant che traviarsant l’entrada
di cjasa, viarz la plaza, lunc il curt viaz
fin al tiò pan di ogni dì, che dut al cundùri
al siò post, a la funziòn ch’i ti j às dat.
I argains, i mil trapoles, i nostris libris, li’ letaris
e li’ fotos insuazadis dal timp, insoma li’ strategìis
di un matrimoni, a stedin cuciàdis ulì,
ta li’ lôr disposizions. vitis a ris’ciu a si dispiardin
tra li’ stanzis, a implantin un sidinès ben studiàt.
Cisichès plaiòs, sbrissaments dut ta ‘n colp
dal polvar, il ciacarussâ dai trafs e il frustulâ
da li’ sustadis tal tiò armàr. a no coventin a nuia
li’ me’ promesis e li’ garanzìis siguris, li’ prisinzis
ch’a fodrin la nostra vita a no intindin resons,
a mi comandin di zî fora in plen sorèli a controlâ
ch’i ti tornèdis indovor.
 
 

Non accade, quando attraversando l’uscio / di casa, verso la piazza, lungo il breve viaggio / fino al tuo pane quotidiano, che tutto resista / al suo posto, al compito che gli hai assegnato. / I congegni, le mille carabattole, i nostri libri, le lettere / e le foto incorniciate dal tempo, insomma le strategie / di un matrimonio, se ne stiano inerti / nei loro assetti. fragili esistenze sciamando / tra le stanze, ordiscono un orchestrato silenzio. / bisbigli lamentosi, scivolamenti improvvisi / della polvere, il dimesso conversare delle travi e i fruscianti / sospiri nel tuo armadio. a nulla servono / le mie promesse e le rassicuranti garanzie, le presenze / che ornano la nostra vita non sentono ragioni, / mi impongono di uscire in pieno sole / ad accertarmi del tuo ritorno.

 
 
 
 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.