Fabrizio Bernini

Fabrizio Bernini

 
 
Alessandro Canzian suggerisce Fabrizio Bernini
 
 
Non è un verbo. Eppure ti resta incastrato
sul labbro. Ti ascolto ripescare un cuore estinto,
scantonato. Allora mi sfibbio oltre la ringhiera
della tua croce e penso che sono anni quelli
che rincagnano sul mio, di cuore.
Poi resto lì. Il tuo sorriso sull’hamburger.
Forse, sguscio in verticale. Forse anche il tempo
ha qualcosa di sghembo
infilato tra i denti e non vuole assaggiarlo.
In fondo, quello che mi scaccia
è la scaltrezza in un dolore. E non paura.
 
 
 
 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.