Ezio Solvesi

Ezio Solvesi
 
 
Alessandro Canzian suggerisce Ezio Solvesi
 
 
Bora scura,
che sbrega ombrele.
 
Bora scura,
che dismìssia i cavèi
e ruba carte, scovàze
e capèi,
che alza foie morte
a muci
e tuto remèna
fin zo, in riva,
a incontrar el mar.
 
Bora scura,
che stremìssi i colombi
strenti drio de le gorne
e che imborèza i cocài
che svola svelti
contro ‘l vento
a sbarufàr co la piova.
 
Bora scura,
che iaza e sbatòcia
ma che un poco neta
sta nostra vecia zità.
 
 

Bora scura, / che lacera ombrelli. // Bora scura, / che agita capelli / e ruba carte, spazzatura / e berretti, / che alza foglie morte / a mucchi / e tutto trascina / fin giù, alla riva, / ad incontrare il mare. // Bora scura, / che spaventa colombi / nascosti dietro le grondaie / e che rallegra gabbiani / pronti a volar / controvento / a sfidar la pioggia. // Bora scura, / che gela e sbatacchia / ma che un poco pulisce / ‘sta nostra vecchia città.

 
 
 
 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.