Claudio Grisancich (Italia) – ita/triestino

Bozza automatica 312
 
 
Claudio Grisancich (Italia) - ita/triestino
son del due nata nel milenovecentodue in quel
febraio che qualchedun forsi ricorda esser quel
del sciopero d’i foghisti del lloyd de un fredo de
un genico che papà tipografo diseva le parole
iazarse su la boca
no’ che mancassi
ma con do fie el mas’cio
e sola ’na paga quela de mio papà poco
’vanzava el mulo ’pena podesto in oficina po’ ciolta
la matricola a navigar ’na vita mia sorela che no’ i se
la ’spetava nata nel quindese co’ la prima guera e
sposada co xe finì la seconda ’n’unica fia ’vuda
luciana mia nipote e morta che la picia gaveva
diese ani e mi la prima la più vecia fate le oto classi
presto l’ago in man a straponzer e po’ de beltrame
cossa altro gavessi podesto far cussì alora se pensava
per le femine e che un marì fossi el meio per lore me
vedevo bruta forse perché iera altro quel che per mi
volevo come mio fradel via lu’ per mar e mi via per
’n altro mar gavevo ’na bela vose de sopranina le opere
che no’ go visto al verdi sentada su le scale del logion
pianzendo per buterfly mimì de la bohème ancora
’desso un nodo in gola se penso gilda la povera manon
la ghe le cantarà ai sui fioi mama ghe gaveva dito
a ’na maestra de canto ch’insisteva ’ndassi avanti
a studiar tanto che ghe la femo con quel che ciapa
su’ pare
e mi alora in casa o co i me domandava
a le feste o finì de beltrame assieme a le altre
tignindose pe’i fianchi vegnivo cantando zo
per le scale de giardin pontini fin piaza vico
e quel sogno me lo sarìa tegnù col dital in
scarsela del traverson
cussì dramatica
ghe disevo ridendo a le amiche
se per cantar no’ iero destinada alora sarìo stada
sarta de fin assieme a ’n’altra che za gaveva
un fia’ de clientela me iero pensada fantasia de
vender de far costumi e quanti mai gavevo fati
per feste carnevai velioni cavalchine e pe’ i teatri
che quele sartorie no’ ’rivava de in casa che se
iera un cameron in via torebianca e putele che
anca ne ’iutassi gavevimo ciolto pe’i lavori
ch’ indrioman cresseva un sarto giovine gilo
fersen zerti oci scuri inteligenti de sbrodolarse
tute perché no’ se metemo assieme ti alta sartoria
per signora e mi per omo
cussì su tuto un pian
ai portici de chiozza un atelier gavevimo ’verto
ancora impresso quel primo giorno i tapi de
spumante che saltava biceri spanti sui tavoli
fra l’ingombro d’ i lavori de portar ’vanti in quel
febraio soto carneval del milenovecentotrenta
cinque e anca quela volta inamorada persa
senza speranza de un che ’na rachele minzi
za lo ’spetava
 
 
 
 
sono del due nata nel millenovecentodue in quel
febbraio che qualcuno forse ricorda essere quello
dello sciopero dei fuochisti del lloyd di un freddo
di un gelo del quale papà tipografo diceva le parole
ghiacciarsi sulla bocca
per mancare in casa non che
mancasse ma con due figlie e il maschio
una paga soltanto quella di papà poco
avanzava il ragazzo appena in età in officina poi presa
la matricola tutta una vita a navigare mia sorella che non se
l’aspettavano nata nel quindici con la prima guerra
sposata quando finì la seconda un’unica figlia avuta
luciana mia nipote e morta che la bambina aveva
dieci anni e io la prima la più vecchia fatte le otto classi
subito l’ago in mano ad agucchiare e dopo da beltrame
che altro avrei potuto fare così allora si pensava
per le femmine e che un marito fosse la cosa migliore per loro mi
vedevo brutta forse perché era altro ciò che per me
volevo come mio fratello via lui per mare e io via per
un altro mare avevo una bella voce da soprano leggero le opere
che non ho visto al verdi seduta sulle scale del loggione
piangendo per butterfly mimì della bohème ancora
adesso un nodo in gola pensando a gilda la povera manon
le canterà ai suoi figli mamma aveva detto
a una maestra di canto che insisteva continuassi
a studiare tanto che ce la facciamo con quello che prende
suo padre
e io allora in casa o quando me lo chiedevano
alle feste o dopo il lavoro da beltrame con le altre
tenendoci per i fianchi scendevo cantando
le scale del giardino pontini giù in piazza vico
e quel sogno l’avrei tenuto col ditale nella
tasca del grembiule
così drammatica
dicevo ridendo alle amiche
se per cantare non ero destinata allora sarei stata
sarta di gran classe con una che già aveva
un po’ di clientela m’ero pensata fantasia
da vendere di fare costumi e quanti ne avevo fatti
per feste carnevali veglioni cavalchine e per i teatri
se quelle sartorie non ce la facevano da in casa che
eravamo uno stanzone in via torre bianca e apprendiste che
anche ci aiutassero avevamo preso per i lavori
che di continuo aumentavano un sarto giovane gillo
fersen certi occhi scuri intelligenti da sciogliersi
a guardarlo perché non ci mettiamo assieme tu alta sartoria
per signore ed io per uomo
così su un intero piano
ai portici di chiozza un atelier avevamo aperto
ancora nitido il ricordo del primo giorno i tappi di
spumante che saltavano i bicchieri versati sui tavoli
fra l’ingombro dei lavori da terminare per quel
febbraio sotto carnevale del millenovecentotrenta
cinque e anche quella volta innamorata persa
senza speranza di uno che una rachele minzi
già lo aspettava
 
 
Traduzione di Walter Chiereghin
 
 
 
 

Commenti