Catullo

Catullo

 
 
Passer, deliciae meae puellae,
quicum ludere, quem in sinu tenere,
cui primum digitum dare appetenti
et acris solet incitare morsus,
cum desiderio meo nitenti
carum nescio quid libet iocari
et solaciolum sui doloris,
credo ut tum gravis acquiescat ardor:
tecum ludere sicut ipsa possem
et tristis animi levare curas!
 
 
 
 
 
 
Passero, svago della mia ragazza –
gioca con te, ti tiene sempre in grembo,
e quando hai fame ti dà l’unghia e tu
mordicchi provocato – quando lei,
questa mia nostalgia della luce,
cerca il gioco – perché? – un ristoro
da una sua pena (è la mia fede) pace
da un fuoco greve – potessi
giocare insieme a te così, placare
questa torbida angoscia del mio cuore!
 
 
Traduzione di Enzo Mandruzzato
 
 
 
 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.