Alessandro Guasoni (Italia) – genovese/ita


 
O giardin do Prinçipe
 
Gh’é un pòrtego de legno e, de derê,
rebighi e laberinti de ‘n giardin
che nisciun no peu ammiâlo, feua che o Prinçipe
quande o s’inandia pe-e seu grende impreise.
 
Ogni zimma de sô into mâ a l’aspegia
a nòstra vitta e l’universo arreo;
i secoli en passæ inte quella luxe
de longo pægia, e ancon de longo neuva,
co-e cäe de geneaçioin de zoeni e vegi
ch’a luxio inte fregogge do gran ciæo.
 
Mæ Prìnçipe, t’aspeti inte sto tempo
d’erba spâ, into giardin che se ghe ceiga
o mondo co-e sò äe gianche à protezzite;
derê i veddri de stansie inluminæ
t’ammii che vëgne scuo e o çê ch’o dechiña
à ‘n destin che no t’æ mai conosciuo.
 
Stanni à aspëtâ, mæ Prìnçipe, a mattin
chi ven da-o mâ à schiffî o picco do portego,
quande into letto d’öo ti dòrmi ancon.
“Chi l’é, chi l’é?” ti diæ; co-i euggi streiti,
i pê nui, ti chiniæ e scäe: ‘na giornâ
de vento a picca a-i veddri, t’aniæ à arvî
e o portego de færo o scrosce, o gïa…
Freido inta luxe chi te leva o sciou.
 
E l’erba spâ a l’ammïa o zinâ de reusa.
 
 

Il giardino del Principe

C’è un portone di legno e, di dietro, / meandri e labirinti di un giardino: / che nessuno può guardare, tranne il Principe, / quando si prepara alle sue grandi imprese. // Ogni scintilla di sole nel mare riflette / la nostra vita e tutto l’universo; / i secoli sono trascorsi in quella luce / sempre uguale e ancora sempre nuova, / con i visi di generazioni di giovani e vecchi / che brillarono nei frammenti del grande chiarore. // Mio Principe, tu attendi in questo tempo / d’agave(*), nel giardino su cui si piega / il mondo con le sue ali bianche a proteggerti; / dietro i vetri delle camere illuminate / guardi venire il buio e il cielo declina / a un destino che non hai mai conosciuto. // Sta’ ad aspettare, mio Principe, il mattino / che verrà dal mare a sfiorare il battente del portone, / quando nel letto d’oro dormirai ancora, / “Chi è, chi è?” dirai; con gli occhi chiusi, / i piedi nudi, scenderai le scale: un giorno / di vento bussa ai vetri, andrai ad aprire / e il portone di legno scricchiola, gira… / Freddo nella luce che toglie il fiato. // E l’agave guarda l’orizzonte di rosa.

 
 

(*) lett. di erba spada; nome ligure dell’agave. Ma si allude anche ad un tempo di battaglie.

 
 

Traduzione dell’autore

 
 
 
 

Commenti